martedì 19 febbraio 2013

TERRA E FARINA PER LA MIA POLENTA PASTICCIATA

Terra e farina.
Un ritorno alle origini, a una filosofia di vita che ricerca nel cibo la semplicità degli ingredienti, un ritorno agli elementi base della terra.

Questa la linea guida che anima il contest organizzato dall'omonimo blog "Terra e farina" che ci chiede di preparare una ricetta che contenga un qualsiasi tipo di farina e un prodotto della terra, ortaggio o frutto che sia.

Io ho deciso di partecipare con questa succulenta polenta pasticciata che ben incarna il ritorno alle origini che ci viene richiesto.
La polenta, cibo povero per eccellenza, è qui arricchita e nobilitata dai frutti della terra... pomodori e funghi che la rendono irresistibile e golosa.

Per prepararla ho utilizzato:
- farina di mais per polenta;
- salsa di pomodori;
- funghi champignon trifolati;
- pancetta a cubetti;
- parmigiano grattugiato;
Ho innanzitutto preparato la polenta secondo le indicazioni riportate.

Quindi, una volta cotta, l'ho stesa in una leccarda da forno in uno strato unico e uniforme ma non troppo sottile e l'ho lasciata raffreddare.

Nel mentre ho preparato la salsa di pomodori, condendola con un filo d'olio, sale e pepe.

Ho trifolato gli champignon affettati sottili in padella con un filo d'olio, uno spicchio d'aglio e una manciata di prezzemolo fresco.

Per ultimo ho scottato i cubetti di pancetta in un tegamino antiaderente per qualche minuto e senza alcun condimento, per eliminare il grasso in eccesso che  ho poi scolato.

A questo punto non mi è rimasto altro da fare che assemblare il piatto.
In una pirofilina da forno ho steso un velo di salsa, quindi ho ritagliato su misura uno strato di polenta e su questa ci ho versato un po' di salsa di pomodoro, funghi, parmigiano e pancetta.

Poi ho coperto il tutto con un altro stato di polenta e ho proseguito con gli strati fino ad esaurimento degli ingredienti. Ho terminato il tutto con un abbondante colata di salsa, pancetta e parmigiano.

Ho infornato per una ventina di minuti a 180° per far gratinare bene il tutto. Gli ultimi minuti ho acceso il grill.

Ed eccola qui!
Tre strati golosissimi, ricavati da ingredienti poveri, genuini e sani.
E con questa ricetta, fatta di terra e farina, partecipo al contest "Terra e farina" dell'omonimo blog.
Qui trovate il link:
http://www.terraefarina.it/2013/01/1-contest-terra-e-farina.html

26 commenti:

  1. Che bella idea :-) Sfiziosissima!!

    RispondiElimina
  2. Ciao!
    Ti ringrazio per la tua ricetta e anche per la bella introduzione alla nostra filosofia che hai inserito! Ci hai capite in pieno! Mi sono aggiunta ai tuoi follower per vedere le tue prossime creazioni ;)
    a presto!

    Valeria
    Terra e Farina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Vasleria, sono proprio felice di aver colto nel segno lo spirito del vostro contest e sono contenta che la polenta sia stata di tuo gradimento.
      Ci leggiamo alle prossime ricette.
      Saluti.

      Elimina
  3. Che buona la polenta, io la adoro. Mi piace molto questa tua versione. Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, grazie, sono contenta che tu abbia apprezzato questa mia versione. Un abbraccio.

      Elimina
  4. che delizia..fatta così è proprio da leccarsi i baffi!!!

    RispondiElimina
  5. un piatto che ti culla come le braccia dell'amato:)

    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bella e poetica immagine che ne hai dato. Super approvata.

      Elimina
  6. Una sorta di lasagna di polenta! L'idea è grandiosa e succulenta così come lo è quel condimento funghi e pancetta...ci facciamo un bel pensierino anche perchè è un piatto che scalda e per il fine settimana è prevista neve a volontà.
    Bacioni e buona settimana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se mi dite così ragazzi, bisogna che la rifaccia pure io nel fine settimana...un piatto bello caldo e rubusto è l'ideale per combattere il freddo!!!!

      Elimina
  7. O mamma mia una polenta che sembra una lasagna...e che vuoi di più dalla vita????...una fettina!!!! un bacione

    RispondiElimina
  8. E da "polentona doc" non posso che approvare questa tua ricetta, Barbara...quante volte andrebbe riscoperta la cucina rustica di una volta! Mi hai scaldato il cuore con questa ricetta :) un abbraccio a te e a tutta la tua magnifica tribù! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marzia, che bello leggerti. Era da tanto tempo che non ci sentivamo. Sempre bello averti qui!

      Elimina
  9. quanto è ghiotta questa polenta e quanto mi piace!!!!!

    RispondiElimina
  10. Idea geniale cara,bravissimaaa!!! :-)
    Un bacione

    RispondiElimina
  11. Buonaaaaa ! complimenti e buona domenica
    Mandi

    RispondiElimina